24 gennaio 2022

I limiti della violenza - Ilias Venezis



Titolo:
Matricola 31328

Autore: Ilias Venezis

Traduzione di: in cerca di editore

Genere: romanzo 


Titolo originale: 
Το νούμερο 31328

Editore greco: ΕΣΤΙΑ-ESTIA





Lito Seizani ci offre la sua colta lettura di traduttrice e poetessa del romanzo Matricola 31328 (che credo sia ancora inedito in Italia), attraverso il quale l'autore, Ilias Venezis, rievoca i tragici eventi che travolsero l'Asia Minore nel 1922. 


 

Matricola 31328 di Ilias Venezis è un libro che leggevo da adolescente. In quegli anni ho letto tutti gli altri libri dello stesso autore che appartenevano alla cosiddetta "generazione degli anni '30" greca. Furono pubblicati in piccoli volumi con copertina rigida dalla casa editrice Hestia e sono dei capolavori. Si possono ancora trovare nelle librerie.

Ho trovato il coraggio di ricominciare a leggere Matricola 31328 qualche giorno fa e, dopo le tre prime pagine, mi sono resa conto che non riuscivo ad andare avanti. All'improvviso mi è tornato in mente tutto ciò che avevo spinto lontano nell'inconscio, in aree desertiche molto simili a quelle descritte da Venezis nel suo libro dove lui stesso e i suoi compagni furono fatti prigionieri, o "schiavi" come dice lui, dai turchi. Costretti a camminare nell’entroterra del Paese, camminando per giorni e mesi, per raggiungere i crudeli "Amele taburu" o "Battaglioni di lavoro".

Alla fine, ho deciso di rileggere l'intero libro. Dopotutto mio nonno e suo fratello, giovani ragazzi greci di Smirne a quel tempo, avevano subito la stessa cosa. Finora pensavo che i limiti della violenza fossero stati indagati da Aleksandr Isaevič Solzenitsyn in Una giornata di Ivan Denisovič (Einaudi, 2017, ndr) e da Jung Chang in Cigni selvatici (Longanesi, 2014) e invece no. I limiti della violenza tra gli umani, o meglio di animali selvaggi e feroci su animali indifesi, sono meglio descritti da Venezis.




Non è nelle mie intenzioni scioccare le anime sensibili con i dettagli più violenti e crudeli. Solo un breve e innocuo brano: "Hanno iniziato a darci mezza pagnotta ogni giorno. Ma elemosinavamo qualcosa anche mentre passavamo davanti alle case. Qualcuno ci ha dato qualcosa, altri hanno tirato fuori la lingua e ci hanno preso in giro. Non avevo voglia di mendicare, perché la prima volta che ho allungato la mano, un uomo mi ha picchiato forte e mi ha sputato addosso. Durante i giorni della marcia, non mi importava affatto di ciò. Ma ora è difficile. Con il tempo stiamo riprendendo le nostre abitudini umane. Ma comunque, non importa. Addebitami due centesimi in meno di dignità umana".

Secondo me Matricola 31328 è un libro che ogni greco dovrebbe leggere per non dimenticare la nostra storia e lasciarci coinvolgere di nuovo in nuove avventure.

 

Dopo questo libro, ho deciso di leggerne un altro dal titolo Terra di Ponto di Dimitris Psathas. Questo autore greco è noto soprattutto per i suoi racconti umoristici e gli articoli di giornale. In questo libro, tuttavia, racconta i suoi ricordi d'infanzia dalla sua città natale Trebisonda, fornendoci anche molte testimonianze scritte di persone sopravvissute al genocidio dei greci del Ponto. I greci del Ponto resistettero ai turchi con tutte le loro forze, alcuni anche dopo il 1922, in coraggiosi gruppi di guerriglia, ma subirono la stessa sorte del resto dei greci in Turchia. Questo libro può sembrare pesante a chi non è interessato a leggere tutti i dettagli delle lotte sui monti di Santa, o presso l'antico fiume Thermodon, luogo mitico delle Amazzoni, ma piacerà a chi è interessato alla storia greca; verrà trasportato in queste terre lontane dai nomi strani.

Fu lì che i greci vissero sotto un dominio turco molto crudele, aspettando che i russi arrivassero a salvarli. Non l'hanno mai fatto. È accaduto così spesso nella nostra storia greca che i russi hanno promesso di salvarci e non l’hanno mai fatto. L'autore ci parla anche degli inglesi e dei francesi che, a seconda dei loro interessi, o hanno sostenuto la soluzione di una democrazia greca indipendente nel Ponto o hanno preso la parte di Kemal quando sembrava essere più forte. Come Venezis, Psathas descrive anche le deportazioni e le marce della morte, le lunghe inutili camminate nell'entroterra dell'Asia Minore con il solo obiettivo dello sterminio dei greci.


Infine, ci ricorda che la stessa Madre Grecia, con poche eccezioni, non ha mai aiutato i suoi figli in zone lontane. Si è dimostrata indifferente, anzi ridicolmente autodistruttiva in questi tempi estremamente pericolosi. Ma torniamo ora a Trebisonda come descritta dall’autore: "Ecco Trebisonda, la capitale storica dei Comneni, una città piena di chiese, castelli bizantini, moschee e religione ortodossa. Da un lato si arrampica sulla collina di 'Poz Tepe' e dall'altro sente la fresca brezza del Pontus Euxeinos che con il suo colore azzurro accarezza le spiagge di sabbia o infrange rabbiosamente le sue enormi onde che tuonano sugli scogli".


Quindi, questi sono due libri molto importanti che ricordano il genocidio armeno e il 2022 segna 100 anni dal 1922 nero, l'anno più terribile della storia recente greca.






https://it.wikipedia.org/wiki/Ilias_Venezis

https://it.wikipedia.org/wiki/Ponto

Vorrei ringraziare Gennaro Cretella per la revisione del testo in Italiano.





Nessun commento:

Posta un commento